Teoria

Ecco delle brevi illustrazioni dei più comuni meccanismi che stanno alla base della filtrazione dell’aria.

Effetto setaccio

La più intuibile modalità, per la quale particelle troppo grosse per passare tra fibre adiacenti vengono intercettate, questo meccanismo entra solo in modo molto marginale nel tipo di filtrazione di cui qui ci occupiamo.

Cattura

Particelle di sufficiente diametro e massa non scorrono parallele ai filetti fluidi di aria, attorno ad una fibra, ma derivano e vanno a collidere, venendo intercettate dalla stessa.

Diffusione

All’interno dei filetti fluidi, le particelle di piccolissimo diametro urtate dalle molecole di gas in agitazione, si muovono in modo irregolare e percorrono un cammino molto più lungo ( moti browniani) , la probabilità statistica che finiscano a contatto delle fibre aumenta in proporzione all’effettivo cammino percorso.

Precipitazione

In taluni filtri dotati di carica elettrostatica naturale od indotta delle fibre, le particelle caricate elettrostaticamente vengono attratte ed intercettate dalle fibre caricate con segno opposto.

La meccanica di filtrazione dell’aria: come funziona realmente un filtro dell’aria?

Sebbene due filtri possano avere un aspetto simile, differenze significative possono nascondersi sotto la superficie; differenze che influiscono sull’efficienza di filtrazione, sulla perdita di carico e sulla durata di ogni prodotto.

Al fine di operare una distinzione tra diversi filtri dell'aria, è importante comprenderne il funzionamento. La nostra SlideShare analizza brevemente i meccanismi di filtrazione, esaminando cosa accade all’interno dei mezzi filtranti di un filtro e come influiscono sulla progettazione del filtro dell’aria.

Leggi la nostra SlideShare – La meccanica di filtrazione dell’aria